Logo di InfoVizzini.it
Approfondimenti
La dichiarazione Imu prorogata fino al 30 ottobre
È ufficiale la proroga dei termini per la presentazione della dichiarazione Imu. Con l'approvazione dello schema di decreto recante «Disposizioni in materia di finanza e di funzionament...
È ufficiale la proroga dei termini per la presentazione della dichiarazione Imu. Con l'approvazione dello schema di decreto recante «Disposizioni in materia di finanza e di funzionamento degli enti locali», il Consiglio dei Ministri ha fissato la data del 30 novembre 2012 per la presentazione della dichiarazione Imu da parte dei contribuenti obbligati.
È ufficiale la proroga dei termini per la presentazione della dichiarazione Imu. Con l'approvazione dello schema di decreto recante «Disposizioni in materia di finanza e di funzionamento degli enti locali», il Consiglio dei Ministri ha fissato la data del 30 novembre 2012 per la presentazione della dichiarazione Imu da parte dei contribuenti obbligati.
[Foto: dichiarazione Imu]
LA TASSA SUGLI IMMOBILI Il Comune di Vizzini ha approvato il nuovo regolamento Imu durante l'ultima convocazione del Consiglio comunale.
Quest'ulteriore rinvio del termine di presentazione della denuncia Imu, previsto in un primo tempo al 30 luglio e poi prorogato all'1 ottobre (30 settembre era domenica), si è reso necessario tenuto conto che il modello dichiarativo e le istruzioni non sono stati ancora né approvati né pubblicati.

Ma veniamo alla disciplina. I proprietari degli immobili già posseduti al 1° gennaio 2012 e per i quali la situazione fiscale ai fini Imu sia cambiata rispetto alla situazione Ici devono presentare la dichiarazione Imu. Rientrano nell'adempimento dichiarativo anche gli acquisti e le variazioni immobiliari intervenute dopo il 1° gennaio 2012.
L'articolo 13 comma 12-ter del d.l. 201/2011 prevede che: «I soggetti passivi devono presentare la dichiarazione entro novanta giorni dalla data in cui il possesso degli immobili ha avuto inizio o sono intervenute variazioni rilevanti ai fini della determinazione dell'imposta [...]». La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi sempre che non si verifichino modificazioni dei dati ed elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta.

In merito all'adempimento dichiarativo la disciplina fa salve le dichiarazioni presentate ai fini dell'applicazione dell'imposta comunale sugli immobili (Ici), in quanto compatibili.
L'abitazione principale non è soggetta all'obbligo dichiarativo, neppure in caso di applicazione della maggiorazione della detrazione di 50 euro per i figli conviventi. Ma se la casa è formata da due unità catastali, contigue e magari comunicanti, solo una delle due potrà beneficiare dell'agevolazione.

Per quanto riguarda l'ex casa coniugale, assegnata in sede di separazione legale, la denuncia deve essere presentata dal coniuge assegnatario a prescindere dalla titolarità dell'immobile.
Le compravendite d'immobili non devono essere dichiarate in quanto l'atto notarile transita attraverso il Mui (modello unico informatico). Anche le successioni sono esonerate dall'obbligo dichiarativo perché sarà l'agenzia delle entrate a trasmettere i dati ai Comuni. Mentre per l'acquisto di aree fabbricabili deve essere presentata la dichiarazione, in quanto il contribuente deve dichiarare il valore di mercato dell'area al 1° gennaio dell'anno di riferimento. Quest'adempimento sarà ripetuto negli anni successivi solo se varia il valore di riferimento.

Per gli immobili d'interesse storico artistico, di cui all'articolo 10 del Dlgs 42/2004, è stata prevista una riduzione del 50% della base imponibile ai fini Imu. Anche per i fabbricati dichiarati inagibili o inabitabili si può ridurre del 50% la base imponibile ai fini dell'imposta municipale a condizione che il proprietario faccia periziare l'immobile e presenti un'autocertificazione al Comune, il quale provvederà al controllo in fase di accertamento. Se il Comune è già a conoscenza dello status di questi immobili (dichiarazione ICI), vige l'esonero dichiarativo. L'obbligo di presentare la dichiarazione nasce se nel 2012 è venuto meno il diritto alla riduzione.

I terreni agricoli ricadenti in aree montane o di collina delimitate ai sensi dell'articolo 15 della legge 984/1977 sono esenti dall'imposta. Il territorio del Comune di Vizzini rientra nell'esenzione.
Sempre in tema di IMU, la bozza di decreto approvato dal Consiglio dei Ministri prevede il termine del 31 ottobre entro il quale i Comuni possono rivedere aliquote e regolamenti. Questa scadenza si allinea con il termine di presentazione del bilancio di previsione per l'anno 2012 degli enti locali (DM 2 agosto 2012).
» Condividi questa notizia:
12/10/2012 | 3041 letture | 0 commenti
Commenti (0)

I commenti per questa notizia sono disabilitati.
Cerca nel sito
Seguici anche su...
Pubblicità
Banner pubblcitario Duesse Color
Banner pubblcitario Fotoideatreg.com
Banner pubblicitario 180x180 pixel
Eventi
Libri
Quando: 28/10/2017
Dove: Vizzini
Teatro
Quando: 23/09/2017
Dove: Vizzini
Articoli
RUBRICHE | Terza pagina
27/07/2017 | 1310 letture
RUBRICHE | Economia
22/01/2017 | 1864 letture
di G.A.
RUBRICHE | Medicina
05/07/2016 | 2296 letture
di C.S.
RUBRICHE | Fisco e Finanza
11/01/2016 | 9731 letture
di C.B.
RUBRICHE | I racconti di Doctor
28/12/2012 | 9585 letture
di D.
Conferimento rifiuti
Personalizza il sito
Scegli il colore del tuo layout:
Newsletter
Iscrizione
Cancellazione
Meteo
Le previsioni per i prossimi 7 giorni a Vizzini.
Per i dettagli clicca qui.
Collabora e segnala
Vuoi segnalare un problema di cui InfoVizzini.it dovrebbe occuparsi? Ti piacerebbe diventare uno dei nostri collaboratore? Stai organizzando un evento? Desideri inviarci una foto o un video su Vizzini?