Logo di InfoVizzini.it
Fisco e Finanza
Ottanta euro in busta paga, bonus non per tutti
Al fine di ridurre la pressione fiscale e contributiva sul lavoro finalizzata alla riduzione strutturale del cuneo fiscale, il Governo riconosce un credito ai titolari di reddito di lavoro dipendente e di taluni redditi assimilati.

Il bonus ammontante a 80 euro verrà riconosciuto a partire dal mese di maggio e va ad aumentare direttamente il netto in busta paga; quindi le somme incassate a tale titolo non sono imponibili ai fini delle imposte sui redditi, comprese le relative addizionali regionale e comunale, e dovranno essere rapportati al periodo di lavoro nell'anno.

Il credito spetta a coloro che percepiscono redditi di lavoro dipendente, sia pubblico che privato, e alcune categorie di redditi assimilati al lavoro dipendente come lavoratori soci delle cooperative, collaborazioni coordinate e continuative (co.co.co), sacerdoti, lavoratori socialmente utili.
Al momento risultano esclusi i pensionati e le partite iva. Per quanto riguarda i collaboratori familiari (colf, badanti), essi sono classificati come lavoratori dipendenti, ma i datori di lavoro domestici non sono sostituti d'imposta e, quindi, di conseguenza non possono anticipare il credito. Pertanto, i lavoratori domestici che hanno diritto al bonus lo potranno recuperare solo in sede di dichiarazione dei redditi.

Il Dl 66/14 (G.U. 95/14), cosiddetto decreto Renzi, stabilisce che il valore del bonus annuo ammonta a 640 euro, riferito all'intero periodo di imposta. Pertanto a un lavoratore che è assunto da gennaio a dicembre 2014 spetterà in busta paga, a partire dal mese di maggio, il bonus di 80 euro.
Tale credito verrà riconosciuto ai dipendenti e assimilati che hanno un debito di imposta, dopo la detrazione per lavoro dipendente. Ne consegue che a coloro che hanno un reddito fino a 8mila euro non spetta il credito perché considerati "incapienti", in quanto l'imposta che scaturisce dal reddito è azzerata dalla detrazione per lavoro dipendente.
Altra condizione, affinché il dipendente possa godere del credito per intero, è rappresentata dal limite di reddito annuo complessivo fino a 24mila euro. Il credito decresce per coloro che posseggono un reddito tra 24mila e 26mila euro. Mentre ai dipendenti e assimilati che raggiungono un reddito complessivo superiore a 26.000 euro non spetta alcun bonus. A tal fine il reddito complessivo rilevante è assunto al netto del reddito dell'unità immobiliare adibita ad abitazione principale e delle relative pertinenze.

Sono i sostituti di imposta privati e pubblici (datore di lavoro, committente) che dovranno erogare il bonus e vagliare le condizioni per il riconoscimento dell'agevolazione fiscale, senza attendere che il beneficiario abbia presentato alcuna domanda.
In particolare, i sostituti d'imposta devono effettuare le verifiche di spettanza del credito e del relativo importo in base al reddito previsionale e alle detrazioni riferiti alle somme e valori che il sostituto corrisponderà durante l'anno.
Al momento la disciplina, oltre a lasciare fuori i pensionati, gli incapienti e le partite iva, non tiene in considerazione le famiglie numerose e quelle mono-reddito. Non è stato individuato un correttivo che tenga in considerazione la composizione del nucleo familiare.

Di seguito si propongono alcuni esempi di tipologia lavorativa ricorrente in cui i dipendenti lavorano per l'intero anno con reddito stimato per il 2014.
Esempio 1: lavoratore subordinato, single, con un reddito di 24.000 euro dal quale residua imposta a debito. Credito spettante da maggio a dicembre euro 640. Esempio 2: famiglia composta da marito e moglie entrambi lavoratori subordinati con un reddito di 24.000 euro ciascuno dai quali residua imposta a debito. Credito spettante da maggio a dicembre euro 640 + 640 = 1.280. Esempio 3: famiglia composta da 4 persone (marito, moglie e 2 figli minori). Solo il marito è lavoratore subordinato con un reddito di euro 24.000 dal quale residua imposta a debito. Credito spettante da maggio a dicembre euro 640. Esempio 4: famiglia composta da 4 persone (marito, moglie e 2 figli maggiorenni disoccupati). Solo il marito è lavoratore subordinato con un reddito di euro 27.000 dal quale residua imposta a debito. Credito spettante da maggio a dicembre euro zero.

Per il momento questa è la disciplina dettata dal decreto 66/14, ma qualcosa potrebbe cambiare anche in considerazione dei comunicati del presidente del Consiglio Renzi.
» Condividi questa notizia:
07/05/2014 | 17913 letture | 0 commenti
Commenti (0)

I commenti per questa notizia sono disabilitati.
Cerca nel sito
Seguici anche su...
Pubblicità
Banner pubblcitario Duesse Color
Banner pubblcitario casa vacanze
Banner pubblcitario Fotoideatreg.com
Banner pubblicitario 180x180 pixel
Eventi
Musica
Quando: 29/12/2018
Dove: Vizzini
Musica
Quando: 27/12/2018
Dove: Vizzini
Articoli
RUBRICHE | Fisco e Finanza
25/01/2018 | 3203 letture
di C.B.
RUBRICHE | Terza pagina
27/07/2017 | 4309 letture
RUBRICHE | Economia
22/01/2017 | 4220 letture
di G.A.
RUBRICHE | Medicina
05/07/2016 | 4517 letture
di C.S.
RUBRICHE | I racconti di Doctor
28/12/2012 | 12458 letture
di D.
Conferimento rifiuti
Personalizza il sito
Scegli il colore del tuo layout:
Newsletter
Iscrizione
Cancellazione
Meteo
Le previsioni per i prossimi 7 giorni a Vizzini.
Per i dettagli clicca qui.
Collabora e segnala
Vuoi segnalare un problema di cui InfoVizzini.it dovrebbe occuparsi? Ti piacerebbe diventare uno dei nostri collaboratore? Stai organizzando un evento? Desideri inviarci una foto o un video su Vizzini?